Contenuto principale

Dipartimento di prevenzione

Dipartimento di prevenzione

Via Amba Alagi 33
39100 Bolzano
Tel.: +39 0471 909 211
Fax: +39 0471 909 201
Web: http://www.asdaa.it/prevenzione


Attività:

I seguenti servizi compongono il Comitato consultivo e collaborano all'interno del Dipartimento:

  • Servizi Igiene e Sanità (Bolzano, Merano, Bressanone, Brunico)
  • Servizio di Medicina del lavoro (Servizio aziendale)
  • Servizio di Medicina dello Sport (Bolzano)
  • Servizio aziendale Pneumologico (Servizio aziendale)
  • Servizio aziendale Veterinario (Servizio aziendale)
  • Servizio di Dietetica e Nutrizione clinica (Bolzano)
  • Rappresentante dei dirigenti medici e sanitari: Dott.ssa Loredana Latina
  • Rappresentante del personale sanitario non medico: Dott.ssa Gundula Gröber

Il Dipartimento di Prevenzione è una struttura a valenza aziendale il cui compito è principalmente quello di individuare e contrastare i fattori di rischio che possono nuocere alla salute, valutando ed interpretando dati sia di natura sanitaria che ambientale. Avvalendosi della collaborazione di numerosi servizi aziendali e dipartimenti provinciali, ha la facoltà di promuovere studi, progetti e ricerche nonché di elaborare linee guida, protocolli operativi e programmi per misure di profilassi. L'istituzione del Dipartimento di Prevenzione è stata approvata il 06.12.2011 con delibera del Direttore Generale.

Sito web: www.asdaa.it/prevenzione


Alla mappa: Via Amba Alagi 33

Direttore/trice di dipartimento

Coordinatore/trice

News

Prevenzione | 18.10.2019 | 12:44

Uibo, Renner, Bessega – tre nuovi volti per la campagna antinfluenzale

Un'influenza non è un semplice raffreddore. Può rappresentare addirittura un grave pericolo di vita per alcuni gruppi di persone, e quindi non deve essere presa alla leggera. La migliore protezione contro l'influenza è la vaccinazione.

Io mi vaccinoZoomansichtIo mi vaccino

Nicole Uibo, Paolo Renner e Paola Bessega sono dello stesso parere e quest'anno, hanno deciso di sostenere attivamente la campagna per la vaccinazione antinfluenzale lanciata dell'Azienda sanitaria dell’Alto Adige. In Alto Adige la vaccinazione antinfluenzale inizierà lunedì 21 ottobre e terminerà il 13 dicembre 2019.

  1. Centri vaccinali popolazione [PDF 108 KB]
  2. Gruppi a rischio Vaccinazione gratuita [PDF 86 KB]

Nicole Uibo, farmacista e Miss Alto Adige 2016, don Paolo Renner, Direttore dell'Istituto di Scienze Religiose di Bolzano, e Paola Bessega, giornalista dell'emittente televisiva Video33 - SDF sono i volti della campagna per la vaccinazione antinfluenzale di quest'anno promossa dell'Azienda sanitaria dell’Alto Adige. #IoMiVaccino e #ImpfenSchützt, questi gli hashtag di rimando: perché un’influenza, di quelle vere, non è uno scherzo.

Nell'inverno 2018/2019 sono stati segnalati 5.276.000 casi di influenza in tutta Italia. Se si confrontano i dati degli ultimi anni emerge che, ancora una volta, l'ondata influenzale dello scorso inverno ha colpito soprattutto i bambini. Tuttavia, anche le persone anziane sono tra le maggiormente contagiate dall'influenza: nella passata stagione influenzale sono stati registrati 282 casi gravi, di cui 52 terminati con un decesso. L'età media dei/delle pazienti con influenza era di 61 anni e circa il 76% aveva più di 50 anni. L'80% dei casi gravi e l'85% dei deceduti erano già affetti da almeno una malattia cronica. (Fonte: Istituto Superiore di Sanità - ISS).
Anche quest'anno l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige ha fatto scorta di vaccini quadrivalenti, che sono più efficace – oltre che più costosi - e garantiscono una migliore protezione contro i virus dell’influenza rispetto ad un vaccino trivalente.
#IoMiVaccino è anche l'hashtag ufficiale della campagna italiana per la vaccinazione antinfluenzale, con il quale le persone vaccinate si identificano nelle foto scattate durante la vaccinazione antinfluenzale e postate sui social media. #ImpfenSchützt è l’hashtag tradotto in tedesco. Utilizzando questi hashtag, praticamente chiunque può diventare un “influenzatore” postando la foto della propria vaccinazione.

Virus aggressivo
La trasmissione della malattia attraverso le goccioline di saliva contenenti il virus, che vengono facilmente trasmesse con il contatto diretto o indiretto, rende difficile sfuggire all'infezione. La vaccinazione antinfluenzale offre una protezione davvero efficace e verrà effettuata in tutto l'Alto Adige da lunedì 21 ottobre a venerdì 13 dicembre 2019. La vaccinazione deve essere eseguita in anticipo, poiché la protezione vera inizia solo dopo due settimane.

Vaccinazione gratuita per i gruppi a rischio
A rischio sono soprattutto le persone di età superiore ai 65 anni e le persone con malattie croniche cardiache, polmonari, renali o metaboliche, malattie oncologiche o altre gravi patologie. Anche diverse categorie di collaboratori e collaboratrici del servizio pubblico possono effettuare gratuitamente la vaccinazione antinfluenzale. Tra questi vi sono: Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco professionali e volontari, personale sanitario e amministrativo delle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private, volontari della Croce Bianca e Croce Rossa, personale insegnante delle scuole provinciali e assistenti all’infanzia delle scuole materne e degli asili nido.
Anche i donatori di sangue hanno diritto alla vaccinazione antinfluenzale gratuita.

Dovrebbero essere vaccinate anche le persone che sono spesso a contatto con anziani, neonati e bambini piccoli o persone affette da malattie. Perché: chi si fa vaccinare, protegge non solo sé stesso da una possibile infezione, ma anche le persone con le quali entra in contatto.

Protezione economica
La vaccinazione antinfluenzale viene effettuata presso i Centri vaccinali dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige e gli ambulatori dei Medici di Medicina Generale nonché Pediatri di Libera Scelta che abbiano aderito alla campagna vaccinale dell’Azienda sanitaria.
Una dose di vaccino antinfluenzale costa circa 12 euro.

Informazioni per i media: Ripartizione Comunicazione, Marketing e Relazioni con il Pubblico dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, tel. 0471 907153

(PAS/TDB)


Nicole Uibo (Foto: Alex Abbasciano) Zoomansicht Nicole Uibo (Foto: Alex Abbasciano)
Paolo Renner (Foto: Alex Abbasciano) Zoomansicht Paolo Renner (Foto: Alex Abbasciano)
Paula Bessega (Foto: Alex Abbasciano) Zoomansicht Paula Bessega (Foto: Alex Abbasciano)

Altre notizie di questa categoria

Downloads
  Titolo Download

Per aprire i documenti PDF contenuti in questa pagina occorre installare un lettore PDF.
Se non ne hai già installato uno nel tuo sistema, puoi scaricare:
Lettori PDF liberi
un lettore PDF libero
Adobe© Reader©
il programma Adobe© Reader©


Convivere con il coronavirus
Convivere con il coronavirus
Sintesi delle regole, delle misure e delle raccomandazioni per la ripartenza dopo la crisi del coronavirus, sulla base di quanto stabilito dalla legge provinciale approvata l’8 maggio. La pubblicazione è aggiornata alla data dell’8 maggio.
  1. Ripartire in sicurezza
    (PDF 722 KB)
Movimento e attività fisica tra le mura domestiche
Movimento e attività fisica tra le mura domestiche

  1. Attività fisica a casa 0 - 4 anni
    (PDF 726 KB)
  2. Attività fisica a casa 12 - 17 anni
    (PDF 872 KB)
  3. Attività fisica a casa 18 - 64 anni
    (PDF 1831 KB)
  4. Attività fisica a casa 5 - 11 anni
    (PDF 704 KB)
  5. Attività fisica a casa over 65
    (PDF 711 KB)
Monitoraggio dei residui di antiparassitari nei parchi-gioco pubblici 2018 - 2019
Monitoraggio dei residui di antiparassitari nei parchi-gioco pubblici 2018 - 2019

  1. Monitoraggio dei residui di antiparassitari nei parchi-gioco pubblici 2018 - 2019
    (PDF 7411 KB)
Fumare? Smetti in 7 mosse
Fumare? Smetti in 7 mosse
La presente brochure ha l’obiettivo di fornire utili consigli a chi ha intenzione di liberarsi dalla dipendenza della sigaretta e preziose indicazioni per una gestione effi cace di questo delicato e talvolta difficoltoso passaggio.
  1. Fumare? Smetti in 7 mosse
    (PDF 122 KB)
Cinque manciate di frutta e verdura al giorno
Cinque manciate di frutta e verdura al giorno
Un’alimentazione ricca in frutta e verdura oltre ad essere gustosa aiuta a ridurre il rischio di sviluppare malattie tumorali e cardiovascolari, il diabete mellito tipo 2, l’ipertensione arteriosa ed altre patologie.
  1. Flyer: "La salute vien mangiando"
    (PDF 3296 KB)
  2. Opuscolo: "La salute vien mangiando"
    (PDF 2126 KB)
« pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 pagina successiva »