Contenuto principale

Archivio

Prevenzione | 20.12.2017 | 16:25

Vaccinazione antinfluenzale: è ancora possibile eseguirla

La vaccinazione protegge, di questo è convinto il Direttore generale dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, Thomas Schael, che tra il resto si è appena fatto vaccinare contro l'influenza.

Il Direttore generale dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, Thomas Schael, si è appena fatto vaccinare contro l'influenza.ZoomansichtIl Direttore generale dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, Thomas Schael, si è appena fatto vaccinare contro l'influenza.

"Proteggere sé stessi e gli altri" è lo slogan della campagna dedicata alla vaccinazione antinfluenzale lanciata dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, con il quale si trova pienamente in accordo anche il Direttore generale Thomas Schael, che da poco si è fatto vaccinare contro l’influenza presso il Servizio Igiene di Bolzano. "Non è un segreto," afferma Schael, "che sono un convinto sostenitore delle vaccinazioni. Soprattutto coloro che come noi lavorano nel settore sanitario dovrebbero assumersi la responsabilità e farsi vaccinare in modo da proteggere anche le pazienti ed i pazienti."

In realtà un'influenza - da non confondere con uno stato influenzale - non dovrebbe essere sottovalutata. L'influenza è una malattia virale contagiosa e, a causa della sua veloce diffusione, dell’elevata contagiosità e delle possibili gravi complicanze, rappresenta un forte rischio per la salute che può anche portare alla morte.
Secondo le più recenti stime dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (US-CDC), dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dei partner della salute globale, ogni anno muoiono fino a 650.000 persone a causa di patologie associate al virus dell'influenza. Il numero di persone colpite ogni anno dall’influenza è pari a 3-5 milioni di individui in tutto il mondo. Soprattutto le persone appartenenti a gruppi a rischio, come gli over 65 anni e le persone di tutte le età affette da malattie croniche a carico del cuore, dei polmoni, dei reni o del metabolismo o con patologie tumorali, sono particolarmente in pericolo.

Le collaboratrici ed i collaboratori dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, che hanno contatti con persone malate e quindi indebolite, grazie alla vaccinazione possono evitare di essere portatori del virus bloccandone la diffusione.

La campagna dedicata alla vaccinazione antinfluenzale curata dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige si è ufficialmente conclusa, ma le persone interessate possono comunque ancora farsi vaccinare fino ad esaurimento delle scorte. È importante ricordare che il vaccino è efficace a distanza di 8-14 giorni dal momento della sua somministrazione.
L'esperienza ha dimostrato che l'influenza raggiunge il suo picco nel mese di febbraio.

 

Informazioni per i media:

Ripartizione Comunicazione, Marketing e Relazioni con il Pubblico, tel. 0471 907 153

(PAS/TDB)



Altre notizie di questa categoria