Contenuto principale

Archivio

Azienda Sanitaria dell'Alto Adige | 24.05.2018 | 16:06

Priorità alla privacy - il nuovo Regolamento UE sulla protezione dei dati

Domani, 25 maggio 2018, in tutta Europa sarà pienamente applicabile il nuovo Regolamento UE sulla protezione dei dati. Il “General Data Protection Regulation – GDPR” avrà ripercussioni anche sul lavoro svolto all’interno dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige.

© Fotolia/Brad PictZoomansicht© Fotolia/Brad Pict

Alla base del nuovo Regolamento UE: regole uguali per tutti gli stati membri, più diritti per le cittadine e i cittadini e maggiore trasparenza.

Nell’arco degli ultimi due anni, l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige si è attivata in vista della piena applicabilità del Regolamento generale sulla protezione dei dati. L’Azienda sanitaria è da tempo consapevole delle sfide che l'informatizzazione porta con sé in tutti i settori. Infatti: prendersi cura di qualcuno significa anche tutelarne i dati personali, questo il principio di fondo.

Il nuovo Regolamento UE impone a tutte le pubbliche amministrazioni di nominare un responsabile della protezione dei dati, il cosiddetto Data Protection Officer.
Già nel luglio del 2017 l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige ha incaricato la società Compliance Officer e Data Protection per questo compito istituendo un indirizzo e-mail dedicato (privacy@sabes.it), a cui i cittadini e le cittadine possono rivolgersi per quanto riguarda questioni inerenti la protezione dei dati. Già alla fine del 2015 l’Azienda aveva inoltre nominato, in qualità di referente privacy, la giurista Maria Murgia, la cui attività riguarda soprattutto il rispetto delle norme sulla protezione dei dati all’interno dell’Azienda sanitaria stessa.

L'adozione di un regolamento interno sulla protezione dei dati e di un regolamento per il dossier sanitario elettronico, l'organizzazione di numerosi corsi sulla privacy nonché la collaborazione con la Provincia autonoma di Bolzano per quanto riguarda diversi settori della privacy - ad esempio per il Registro Tumori - mostrano quanto l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige abbia sempre preso molto seriamente questo argomento, anche prima dell'entrata in vigore del regolamento UE sulla protezione dei dati.

A proposito del Registro Tumori: qualche settimana fa il Garante per la Privacy ha espresso parere favorevole sulla bozza di Regolamento presentata insieme alla Provincia.

Il Direttore generale Thomas Schael: "Da ormai due anni la protezione dei dati sta al primo posto nell'agenda dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, come dimostrato dalle misure adottate. Abbiamo già avviato molte iniziative e tanto è stato realizzato. Non c'è dubbio che aumenteremo i nostri sforzi per continuare a proteggere, anche in futuro, i dati personali dei cittadini e delle cittadine. Tutto questo in linea con il Regolamento europeo sulla protezione dei dati, che ora è entrato in vigore e che mette al centro il diritto alla protezione dei dati di cittadini e cittadine."

Informazioni per i media: ripartizione Comunicazione, Marketing e Relazioni con il Pubblico dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, tel. 0471 907153

(PAS/TDB)



Altre notizie di questa categoria