Contenuto principale

Archivio

Prevenzione | 30.05.2018 | 13:45

Giornata mondiale dei non fumatori: tabacco e malattie cardiologiche

Il 31 maggio è la giornata mondiale dei non fumatori: introdotta dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, per ricordare i rischi per la salute - e non solo - legati al consumo di tabacco e per propagandare degli efficaci concetti antifumo. Ogni anno muoiono circa 6 milioni di persone a causa delle conseguenze del fumo. Fra queste ci sono all’incirca mezzo milione di fumatori passivi di cui 150.000 bambini.

Giornata mondiale dei non fumatori: tabacco e malattie cardiologicheZoomansichtGiornata mondiale dei non fumatori: tabacco e malattie cardiologiche

Nel 2017 si contavano 11,7 milioni di fumatori d’ambo i sessi, che corrisponde al 22,3% della popolazione. Il numero delle donne fumatrici nel 2016 è stato di 4,6 milioni, aumentato a 5,7 milioni nel 2017. I giovani altoatesini che fumano regolarmente, con la quota di 9,4% sono agli ultimi posti. Solo ad Aosta e nelle Marche si fuma meno. In Alto Adige la quota di giovani fumatori e fumatrici, a confronto con le precedenti rilevazioni, sono notevolmente in calo. Se nel 2005 la quota fra i 15enni era di 21,1%, con il 13,8% nel 2009 sta a significare che in 10 anni la quota di fumatori abituali si è quasi dimezzata.

Dal 1988 l’OMS, con la celebrazione della giornata mondiale antifumo, ogni anno con motti a tema sempre diversi, si è impegnata a limitare l’uso di tabacco. Le generazioni contemporanea e futura devono rimanere il più possibile preservate dai danni causati dal fumo, per cui informazione e prevenzione rivestono un ruolo determinante. Proibire la pubblicità del tabacco è un altro obiettivo posto con questa giornata, perché è comprovato che con essa non viene sollecitato solo l’inizio al fumo ma anche un consumo continuato

Il tema della giornata mondiale antifumo di quest’anno volge soprattutto lo sguardo all’effetto del fumo sulle malattie cardio-vascolari, malattie del sistema cardiocircolatorio – pressione del sangue, insufficienza cardiaca, infarto del miocardio, patologie dei vasi sanguigni fino all’ictus – che sono le più frequenti cause di morte. Il consumo di tabacco è una delle cause evitabili più importanti nelle malattie del sistema cardio-vascolare.

I fumatori e le fumatrici rischiano l’infarto in misura del 65 per cento maggiore rispetto a chi non fuma. Non esiste una dose innocua, persino un’unica sigaretta al giorno determina un notevole aumento del rischio. Anche i fumatori passivi subiscono un danno al sistema cardiocircolatorio. Il pericolo di una patologia alle coronarie aumenta del 25 fino al 30 per cento, così come aumenta allo stesso modo il rischio di ictus.

C’è tuttavia una notizia molto positiva: smettere di fumare diminuisce notevolmente le probabilità di morire per conseguenze legate al fumo e conviene a tutte le età. Gli ex fumatori e fumatrici dopo due anni di costante astensione dal fumo hanno pressappoco lo stesso rischio di contrarre malattie cardiocircolatorie come i non fumatori-trici.  

L’Azienda sanitaria dell’Alto Adige desidera supportare tutti i fumatori e fumatrici favorendo la loro disassuefazione dal fumo. Allo scopo - durante tutto l’anno - in tutti i Comprensori sanitari verranno offerte terapie individuali. Terapie di gruppo avranno luogo in primavera (febbraio/marzo) ed autunno (settembre/ottobre) qualora venga raggiunto il numero minimo di iscritti e tenute in ambedue le lingue, italiana e tedesca. I partecipanti, durante i 5-6 incontri previsti, vengono affiancati da personale qualificato e al bisogno, dopo necessario accertamento clinico, prescritta una terapia farmacologica. Per la partecipazione alle terapie individuali così come di gruppo, per la disassuefazione dal fumo, c’è un importo ticket da pagare per complessivi 36,15 euro.

L’iscrizione è possibile contattando il Servizio per le dipendenze in collaborazione con il Servizio pneumologico, e a Merano anche con la collaborazione del KVW.

  • Bolzano: piazza L. Cadonna 12, tel. 0471 909 600
  • Egna: piazza Bonatti 1, tel. 0471 829 255
  • Merano: via Rossini 1, tel. 0473 251 380 (Servizio pneumologico) o via Alpini 3, tel. 0473 443 299 (Servizio per le dipendenze) o via Otto-Huber 64, (KVW Merano) tel. 0473 220 381
  • Silandro: via Ospedale 3, tel. 0473 735 140
  • Bressanone:  via Dante 51, tel. 0472 813 090
  • Brunico: via A. Hofer 25, tel. 0474 586 240

Troverete ulteriori informazioni alla pagina http://www.asdaa.it/prevenzione/una-vita-senza-fumo.asp

DOWNLOAD IMMAGINI + INTERVISTE

https://we.tl/RnVPd1ixu6 IMM. SERVIZIO PER LE DIPENDENZE UFFICIO MERANO. MP4

https://we.tl/cUJmV8Unbt IMM DISTRETTO SAN QUIRINO - GRIES

https://we.tl/tSjOa85sIR INTV ANTONIO TRIANI IT (1+2+3)

https://we.tl/cIGE2Co8nX INTV GABRIELE GHIRARDELLO (1-4) IT. MP4

https://we.tl/xanecGArYP INTV SIMONE PRANTL IT.MP4

https://we.tl/8hTjQ3ZzTZ INTV MONIKA HOLZNER (1-5) IT. MP4


LINK DOWNLOAD FILE MP3 – SOLO AUDIO

https://we.tl/4kxPoIHGCu Triani - Ghirardello - Prantl – Holzer IT

 

Informazioni per i media: Comunicazione, marketing e relazioni pubbliche dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, tel. 0471 907139 

(BG/EC)



Altre notizie di questa categoria