Contenuto principale

Ospedale di Merano | 26.11.2019 | 11:51

„Il Servizio di Medicina complementare? Un team fantastico"

Dall’inizio del mese di novembre 2019 Giuseppe Cristina è il nuovo Direttore del Servizio di Medicina complementare all’Ospedale di Merano. I suoi primi giorni di lavoro li ha dedicati soprattutto alla conoscenza delle sue collaboratrici e collaboratori, che ha da subito apprezzato: “Un team eccellente, capace di creare un’atmosfera accogliente per i pazienti, fornire le adeguate terapie supporto ed aperto a trattamenti innovativi integrati.”

Il nuovo responsabile Giuseppe Cristina (in mezzo) con il suo teamZoomansichtIl nuovo responsabile Giuseppe Cristina (in mezzo) con il suo team

Giuseppe Cristina originario di Roma porta nel suo bagaglio un ricco tesoro in esperienza soprattutto nella cura di pazienti oncologici. Nato nel 1963 si è laureato a Roma nel 1990. Sono seguite la specializzazione in Endocrinologia (esperto in malattie ormonali e patologie del ricambio), con corsi di approfondimento in ambito oncologico e nella cura del diabete. Dopo i soggiorni di formazione in Texas, Florida e New York presso cliniche altamente specializzate, Cristina ha lavorato presso l’Ospedale “Colleferro” di Roma (Asl Roma 5) come responsabile del servizio per le cure palliative, ricoprendo l’incarico di vice-primario di oncologia e per un periodo quello di direttore. Da ultimo è stato responsabile del Day hospital medico e dell’ambulatorio di endocrinologia del medesimo ospedale.

A Cristina, già da giovane medico, è stato fin da subito chiaro che avrebbe voluto dedicarsi ad una “Medicina integrata” – “il paziente deve essere accolto nella sua interezza come persona e come malato, dandogli la possibilità di esprimere i suoi sentimenti, di soddisfare le richieste di conoscenza e di informazione, riguardo una malattia inattesa ma anche di tutelare la sua riservatezza, fino a prenderlo per mano offrendogli tutte le attuali possibilità di cura riconosciute scientificamente. Tutto questo è alla base di una efficace alleanza terapeutica tra il paziente ed i suoi ‘caregivers’, il medico e tutti gli operatori sanitari coinvolti nel processo di cura. Questo è vero soprattutto in ambito oncologico dove i trattamenti antineoplastici - chemioterapia, radioterapia, trattamenti di medicina nucleare ma anche la più recente immunoterapia – possono avere un impatto sulla la qualità di vita del paziente. L’affiancare le cure integrative-complementari, oltre a migliorare la qualità di vita, consente di completare i trattamenti oncologici programmati per quel singolo paziente, migliorando le opportunità di cura.“

Le prestazioni cliniche e di Medicina complementare devono perciò essere viste come facenti parte di un insieme che è l’assistenza globale al paziente. Con questa visione Cristina ha sempre seguito con interesse i pochi ospedali pubblici dove viene offerta la Medicina complementare e quando si è presentata la possibilità di dirigere questo servizio a Merano, che ha come punto centrale l’assistenza di pazienti oncologici, si è prontamente candidato. 

Il Direttore generale Florian Zerzer è soddisfatto del nuovo arrivato: „Cristina porta con sé tantissima esperienza particolarmente per quanto riguarda l’assistenza e cura di pazienti tumorali. Ha lavorato da dirigente e - non solo come docente universitario – ha al suo attivo molte pubblicazioni scientifiche, come ad esempio sul tema del tumore al seno.

Conosce l’utilizzo dei trattamenti oncologici specifici, l’assistenza palliativa, oltre che le terapie di Medicina complementare, come ad esempio la fitoterapia e la terapia nutrizionale molto bene. Non ultimo è stato spesso in Alto Adige da turista, conosce ed ama questi luoghi e la loro gente, cosa che gli ha facilitato la decisione di venire a Merano.”

Pierpaolo Bertoli, direttore sanitario reggente, presidente per la selezione può solo confermare: „Per quest’incarico abbiamo avuto infine 7 candidate/i altamente qualificati. Come medico sono quindi particolarmente lieto che nella persona di Cristina abbiamo assunto un clinico d’eccellenza in più. Il suo modo di fare tranquillo e posato, la sua pluriannuale esperienza di dirigente favorirà sicuramente la finora buona collaborazione all’interno del team di medicina complementare anche per il futuro.”

La Direttrice di Comprensorio Irene Pechlaner ringrazia particolarmente Karmen Sanoll, anestesista e medico di Medicina complementare, che accortamente ha diretto il Servizio dopo le dimissioni di Christian Thuile. “Ci tengo a ringraziare l’intero team che con la loro attività ha reso il servizio di Medicina complementare, ciò che attualmente è. I nostri medici di Medicina complementare provengono da diversi ambiti, anestesia, dermatologia, riabilitazione, geriatria o medicina palliativa ed hanno integrato le loro competenze specialistiche con la Medicina complementare, soprattutto per quanto riguarda l’assistenza di pazienti oncologici. É un grande successo quando un paziente nel corso della chemio o immunoterapia risente meno degli effetti collaterali.”

L’incarico di Giuseppe Cristina è di tre anni ed in questo periodo si è prefisso di ampliare il più velocemente possibile le sue conoscenze della lingua tedesca, per cui prende già lezioni: “Sono contento di poter migliorare il mio tedesco perché mi sta molto a cuore poter comunicare con ognuno miei pazienti nella loro lingua”.

Informazioni per la stampa:
Sabine Flarer, Ripartizione Comunicazione, marketing e relazioni pubbliche al Comprensorio sanitario di Merano, tel. 0473 263 806, e-mail: sabine.flarer@sabes.it

(SF/EC)



Altre notizie di questa categoria