Contenuto principale

Azienda Sanitaria dell'Alto Adige | 13.12.2019 | 17:28

Pioggia di Bollini rosa per gli Ospedali altoatesini

Ormai da diversi anni tutti gli ospedali dell’Alto Adige ottengono un importante riconoscimento come ospedali “vicini alle donne”: la fondazione italiana Onda ("Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere") ogni due anni assegna dei punti, i cosiddetti "bollini rosa", a strutture che offrono un'assistenza particolarmente attenta alle donne. L'11 dicembre 2019 si è tenuta la cerimonia per la consegna dei bollini.

(d.s.): Andreas Conca, Primario della Psichiatria Comprensorio di Bolzano; Alessandra Bonometti, Collaboratrice Direzione Aziendale; Francesca Merzagora, Presidente ONDA; Claudio Mencacci, Presidente Comitato tecnico-scientificoZoomansicht(d.s.): Andreas Conca, Primario della Psichiatria Comprensorio di Bolzano; Alessandra Bonometti, Collaboratrice Direzione Aziendale; Francesca Merzagora, Presidente ONDA; Claudio Mencacci, Presidente Comitato tecnico-scientifico

Se e quanti punti distribuire (al massimo 3 e l’ente che li ottiene deve avere anche determinati requisiti strutturali) viene deciso da un complesso algoritmo basato sulle risposte a numerose domande.

Anche quest'anno c'è stata una vera e propria “pioggia” di bollini rosa per gli ospedali altoatesini:

Ospedale di Bolzano: 3 "bollini rosa

Ospedale di Merano: 3 "bollini rosa".

Ospedale di Bressanone: 2 "bollini rosa".

Ospedale di Brunico: 2 "bollini rosa".

Ospedale di Silandro: 2 "bollini rosa".

Ospedale di Vipiteno: 1 "bollino rosa".

Ospedale di San Candido: 2 "bollini rosa".

Thomas Widmann, Assessore alla Salute, è molto soddisfatto dei risultati particolarmente buoni degli ospedali altoatesini e vede la premiazione come conferma dell'altissima qualità dell'offerta erogata: “L'assistenza sanitaria dell'Alto Adige è molto buona; ciò è dimostrato anche dal fatto che riusciamo ad avere risultati ottimi anche di fronte a valutazioni con un focus di altissima specializzazione. In Alto Adige esiste un'eccellente assistenza medica per le donne, ma anche una speciale sensibilità per le questioni della medicina di Gender ".

A questo proposito, il Direttore generale Florian Zerzer, desidera esprimere un particolare ringraziamento a quei reparti e servizi i cui criteri rientravano nel questionario. Si tratta per lo più di settori prettamente femminili, come la ginecologia o l'ostetricia, ma anche, ad esempio, di reparti e servizi rivolti alle donne i cui criteri corrispondono al questionario. Cardiologia (malattie cardiache nella donna), Neurologia (epilessia/sclerosi multipla nelle diverse fasi della vita di una donna), Psichiatria o Servizi di Dietetica e Nutrizione clinica della provincia, prestazioni oncologiche e molto altro ancora: “Sia le prestazioni che le offerte di questi reparti/servizi - e non solo - sono state un criterio importante per la valutazione e per questo ringrazio sinceramente, anche a nome dell'intera Direzione, tutti e tutte coloro che si sono impegnati per questo.”

Durante una cerimonia presso il Ministero della Salute a Roma, alla presenza di oltre 300 delegati una piccola delegazione dell’Azienda sanitaria ha ricevuto il riconoscimento prestigioso. Inoltre all´Ospedale Provinciale di Bolzano è stato assegnato per il Servizio Psichiatrico una Menzione speciale per l´impegno nella prevenzione, diagnosi e cura della depressione in ottica di genere. Tale prestigiosa menzione è stata conferita ad altre 9 sedi universitarie.

Per Zerzer è bello notare che “il nostro lavoro viene riconosciuto anche al di fuori dell'Alto Adige e non può temere il confronto con il resto d'Italia. In questo caso ci è stato conferito un premio per essere particolarmente attenti verso la salute delle donne, ma sono convinto che tutti i nostri servizi sono di altissimo livello per l'intera popolazione - che si tratti di uomini, donne, giovani o anziani.”

Informazioni per i media:
Rip. Comunicazione, Rip. Comunicazione, cell. 335 76 77 220

(SF/TDB)



Altre notizie di questa categoria