Contenuto principale

Azienda Sanitaria dell'Alto Adige | 10.09.2020 | 16:26

Veloci come volare

Quando si tratta di vita o di morte, ogni secondo conta. A partire da oggi (10.09.2020) pomeriggio, ore 14.00, l'elicottero dell’elisoccorso provinciale può atterrare sulla nuova piattaforma ubicata sul tetto dell'ospedale di Bolzano. In questo modo, le persone ferite potranno essere portate direttamente nella “Shock Room” e trattate ancora più velocemente. Una pietra miliare nell'assistenza d'emergenza in Alto Adige.

Veloci come volare: il nuovo collegamento tra il tetto e la shockroomZoomansichtVeloci come volare: il nuovo collegamento tra il tetto e la shockroom

Fino ad oggi, i circa 900 pazienti che ogni anno venivano eli-trasportati all'ospedale di Bolzano, arrivavano nei pressi del Pronto Soccorso o alla sede del Servizio di emergenza della Croce Bianca che si trova nelle immediate vicinanze dell'ospedale. Da lì venivano accompagnati fino al Pronto Soccorso con l'ambulanza che già li attendeva. "Nonostante il lavoro di squadra sia sempre stato superveloce, l'atterraggio diretto sul tetto del nuovo ospedale con collegamento diretto tramite ascensore alla shock room, rappresenta un grande guadagno in termini di tempo e quindi anche di assistenza", afferma soddisfatto il Direttore generale Florian Zerzer.

Anche l’Assessore provinciale alla Salute è convinto che in questo modo sarà possibile migliorare ancora di più l'alta qualità dell’assistenza già esistente nella medicina di urgenza ed emergenza: "L'Alto Adige è già molto bravo nell'assistenza d'emergenza. Questo è confermato anche da tutti gli esperti delle regioni limitrofe. All'ospedale provinciale abbiamo così compiuto un importante passo avanti; un grande passo soprattutto per i pazienti gravemente feriti".

La piattaforma di atterraggio è stata costruita secondo le più moderne specifiche ed ha quindi ricevuto anche l'approvazione della severa autorità dell'Aviazione Civile ENAC. Saranno possibili anche gli atterraggi notturni. Per il Primario Marc Kaufmann si tratta di una grande conquista: "In questo modo si chiude il cerchio tra la medicina di emergenza e l'assistenza d'urgenza in ospedale. L'atterraggio sul tetto garantisce inoltre un collegamento ideale con altri reparti come le due terapie intensive, la terapia intensiva cardiologica e la Stroke Unit".

La catena di soccorso attraverso l’utilizzo di elicotteri in Alto Adige è davvero impressionante: da febbraio di quest'anno è in funzione anche un quarto elicottero - la sua sede di Lasa copre principalmente la parte occidentale della provincia.

Informazioni per i media:
Ripartizione Comunicazione, Marketing e Relazioni con il Pubblico dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, tel. 335 76 77 220

(SF/TDB)


La nuova piattaforma vista dall'alto Zoomansicht La nuova piattaforma vista dall'alto
Massima concentrazione, si sta atterrando... Zoomansicht Massima concentrazione, si sta atterrando...

Altre notizie di questa categoria