Contenuto principale

Ortopedia e Traumatologia

Contatti

Dove siamo: ospedale, edificio centrale, 2° piano, area blu
Primario reggente: dott. Stefano Parduzzi
Coordinatrice infermieristica: Gerda Riedmann
tel. 0471 908 677
fax 0471 907 697
email: orto.bz@sabes.it

Orari di visita:

giorni feriali: ore 14.00-16.00 e 18.00-19.30
giorni festivi: ore 10.00-12.00, 14.00-16.00 e 18.00-19.30
Per i permessi speciali rivolgersi al Primario.

Tavola generale degli orari di visita


A proposito di noi

Equipe medica:  dott. Mohamed Al Sawalmeh, dott.ssa Raffaella Basile, dott. Giuseppe Bertinazzo, dott. Marco Bombelli, dott. Francesco Brigadoi, dott. Michele Ciech, dott. Vincenzo Cosenza, dott. Martin Köllensperger,  dott.ssa Silke Larcher, dott. Andrea Mondini, dott. Christian Morandell, dott. Giovanni Paltrinieri, dott. Stefano Parduzzi, dott. Oscar James Quinto, dott. Francesco Renier, dott Francesco Simeone, dott. Marco Spinel, dott. Andreas Tutzer
N° posti-letto: 60 letti

Cosa facciamo

Mano

Trattiamo ambulatorialmente o con breve ricovero molte patologie della mano come, per esempio, cisti, sindrome del tunnel carpale, dito a scatto, malattia De Quervain, Dupuytren, rizartrosi. Nel nostro reparto traumatologico trattiamo fratture e traumi con lesioni severe di tendini e nervi. Dal 2014 viene eseguito il trattamento ambulatoriale del Mb. Dupuytren con Clostridium Histolyticum (Xiapex).

Spalla e Gomito

Spalla e gomito costituiscono una delle articolazioni più mobili del corpo umano, permettendoci di usare le nostre mani nelle più svariate attività. A causa di fratture, lussazioni o sforzi esagerati questa mobilità può essere significatamente ridotta causando forti dolori e limitando i movimenti quotidiani. Per chi svolge un'attività manuale compromette seriamente la capacità lavorativa.
Una stabilizzazione corretta delle fratture è importante per consentire un trattamento funzionale precoce. Lesioni della cuffia dei rotatori vengono suturate per ripristinare la funzionalità completa della spalla. Un impingement può provocare dolori e limitare i movimenti. Interventi mini-invasivi e l'impiego di tecniche artroscopiche facilitano una guarigione veloce.

Anca

L'Anca è l'articolazione più grande del corpo umano. Deve sostenere la forza necessaria per mantenere la posizione eretta e consentire la deambulazione. L'articolazione è formata dalla testa del femore che è a contatto con l'acetabolo, la sua controparte nel bacino. Le superfici articolari sono rivestite di cartilagine, che aiuta a ridurre la frizione. Se la cartilagine, sia per processi degenerativi dell'età, sia come conseguenza di un trauma, viene lesa, l'aumentata frizione porta all'artrosi, che provoca dolori e limita la mobilità. Quando fisioterapia e antidolorifici non sono più sufficienti si può ricorrere all'impianto di un'artroprotesi.
Se una frattura del collo femore, a seguito di una caduta o incidente non può essere stabilizzata con delle viti e la cartilagine dell'acetabolo è ancora in buone condizioni, è possibile sostituire solo il collo e la testa del femore con un'endoprotesi.
Un impingement che limita i movimenti dell'anca può essere rimosso artroscopicamente.
La Traumatologia di Bolzano tratta non solo tutte le fratture del femore, ma anche quelle dell'acetabolo. Il nostro reparto è il centro di riferimento della Provincia per le fratture del bacino.

Dal 2003 vengono eseguiti gli interventi mini-invasivi per la protesizzazione d’anca, in particolare accesso anteriore ed anterolaterale (OCM).

Ginocchio

Il ginocchio connette la coscia con la gamba e permette di stare in piedi, camminare, sedersi e rialzarsi. L'articolazione è formata da femore, tibia, perone e patella e viene stabilizzata da muscoli, tendini e legamenti. Nella rima articolare si trovano i menischi, che distribuiscono il peso ed aiutano lo scorrimento delle ossa. Il ginocchio sano permette flessione ed estensione completa ed è indolore.  La lesione di una o più componenti a causa dell'età avanzata o di traumi compromette la funzionalità e porta alla distribuzione della cartilagine. Poiché la cartilagine non è in grado di rigenerarsi, il danno si accentua sempre di più. Quando la cartilagine articolare è completamente riassorbita, la mobilità del ginocchio è severamente compromesso, ogni passo fa male.
Anche i menischi sono essenziali per la piena funzionalità. Una rottura a seguito di un trauma è molto dolente. Se una parte del menisco interferisce nell'articolazione, l'estensione può essere addirittura impossibile, il ginocchio rimane bloccato.
Al centro del ginocchio si trovano i legamenti crociati, che contribuiscono alla sua stabilità. Rotazioni repentine, come succede nella pratica del calcio, possono portare alla rottura dei crociati: il ginocchio non è più stabile e può dare sensazioni di cedimento.
Abbiamo una lunga esperienza nell'artroscopia del ginocchio. Attraverso due piccole incisioni si inseriscono una videocamera e mini-strumenti, che consentono per esempio di suturare il menisco o di saldare la cartilagine.
Per sostituire un legamento crociato è possibile usare tendini propri o eseguire interventi di plastica con legamenti artificiali. Con queste tecniche è possibile ripristinare la stabilità del ginocchio. Un ginocchio operato permette di riprendere la pratica dello sci o del calcio.
In caso di gonartrosi marcata spesso si deve ricorrere alla protesizzazione. In questo caso il ginocchio sostituito, in parte o completamente, da un impianto artificiale.

Piede

Lo scheletro del piede consiste di 26 ossa. Assieme  a legamenti, muscoli e capsule articolare formano la volta plantare, che a ogni passo deve sostenere il nostro peso.
Malattie della caviglia e del piede sono molto frequenti e portano a una severa compromissione della sua funzionalità.
Ci occupiamo della traumatologia di caviglia e piede. Inoltre trattiamo tutto lo spettro di patologie ortopediche del piede, per esempio alluce valgo, metatarsalgie, piede piatto, sperone calcaneare. Da qualche anno offriamo interventi mini-invasivi nella correzione dell’alluce valgo e delle metatarsale. Tali interventi possono essere eseguiti anche ambulatorialmente.


Ambulatori

Visita prioritaria

Dove: edificio centrale, poliambulatori, pianoterra, area verde
Quando: assegnazione appuntamento entro 8 giorni
Prenotazioni: CUPP (Centro Unico di Prenotazione Provinciale) tel. 0471 457 457; lunedí-venerdí ore 08.00-16.00
Accesso: solo con impegnativa e la sigla "PRIOR" e con indicazione della sospetta diagnosi

Visita ordinaria

Prenotazione a seconda della specializzazione: mano, spalla, spina dorsale, anca, ginocchio, piede, ortopedia infantile
Dove: edificio centrale, poliambulatori, pianoterra, area verde
Quando: lunedì-venerdì ore 8.30-12.30 e 13.30-16.00
Prenotazioni: CUPP (Centro Unico di Prenotazione Provinciale) tel. 0471 457 457; lunedí-venerdí ore 08.00-16.00
Accesso: solo con impegnativa ed indicazione della sospetta diagnosi

 

 

» torna alla lista dei reparti e servizi