Contenuto principale

Test possibili

Test epicutaneo

Con questo test vengono diagnosticate e quindi escluse le allergie di contatto verso molte sostanze. Il test epicutaneo consiste nell'incollare sulla schiena delle sostanze standardizzate. Poichè in questo caso si tratta di un accertamento di allergia cosidetta "di tipo ritardato", la prima lettura da parte dello specialista avviene dopo 48 ore, la seconda dopo 72. 

Nel tempo intercorrente non si dovrebbe fare la doccia e non fare esercizi fisici, poichè sudendo si può provocare il distacco dei cerotti, sui quali sono applicate le sostanze da testare (per questo si esegue soprattutto in inverno). A lettura eseguita, il paziente riceve un referto che indica le sostanze il cui contatto deve essere evitato.

Prick-test

I prick-tests (ingl. prick = puntura) vengono eseguiti per accertare o escludere allergie da inalazione riniti e da veleno d'insetto. In caso di sospetta pollinosi (allergie respiratorie, "rinite da fieno"), nell'ambito della prima visita il medico rileva l'anamnesi, successivamente dal personale infermieristico viene eseguito il prick-test appoggiando sull'avambraccio delle gocce di soluzioni di allergeni standardizzati. A mezzo di lancette di plastica vengono inoculate superficialmente nella cute e dopo 20 minuti il medico può vedere il risultato. Successivamente viene decisa la terapia.

In caso di sospetta allergia da veleno d'insetti (api/vespe) si inizia con istamina e soluzione fisiologica: queste sostanze vengono inoculate nella pelle dell'avambraccio tramite una piccola lancetta di plastica. Per eseguire un'eventuale infusione in caso di urgenza, si inserisce una cannula venosa periferica. Si è tenuti a riferire immediatamente la comparsa di determinanti sintomi come formicolio alla lingua, sensazione di insensibilità (intorpidimento), prurito, sensazione di calore, eruzioni cutanee ecc. Per accertare un'allergia può essere necessario anche il cosidetto test intracutaneo. Dopo il test si rimane in osservazione per ca. un'ora in Ospedale (ev. somministrazione di antiistaminico come protezione). Il referto allergologico riporta i risultati del test e le raccomandazioni terapeutiche.