Contenuto principale

News

Vaccinazione Anti Covid - Comunicato dell'Azienda sanitaria | 12.11.2021 | 15:51

Vaccinazione contro il coronavirus – Solo con la vaccinazione possiamo infrangere la quarta ondata

L'Alto Adige è coinvolto attualmente dalla quarta ondata. Ogni vaccinazione in più significa una sicurezza aggiuntiva in questa situazione epidemica. Per interrompere quest'ondata, le persone non vaccinate dovrebbero munirsi di una protezione vaccinale al più tardi adesso, ma anche le vaccinazioni di richiamo sono della massima importanza.

xxZoomansichtxx

Con l'inizio della campagna di vaccinazione, in Alto Adige sono state somministrate complessivamente 724.468 dosi contro il contagio da coronavirus. Dall'ultimo comunicato di una settimana fa, si sono aggiunte 10.805 vaccinazioni, rispetto alla settimana precedente con 8.904 vaccinazioni complessive, si è quindi nuovamente registrato un aumento. 1.669 vaccinazioni sono state inoculate come prima dose, 3.565 come seconda dose e 5.571 come vaccinazione di richiamo o “booster”. Sia le prime dosi che i richiami hanno suscitato di nuovo un maggiore interesse nel corso della settimana scorsa. Oltre alle prime dosi, il numero dei richiami è un indicatore importante nella lotta contro la pandemia, poiché il richiamo ripristina

"Riscontro con grande frequenza che molte persone non sono consapevoli del fatto che la protezione fornita dal vaccino diminuisca dopo un certo tempo", spiega il responsabile facente funzioni del team Covid Patrick Franzoni: "Soprattutto per le persone anziane, nel contesto dell’attuale situazione epidemiologica, è fondamentale un richiamo. Tuttavia questo non è per nulla insolito in medicina. In generale, accade spesso con le vaccinazioni, che la somministrazione di una vaccinazione di richiamo sia necessaria per ottenere una risposta immunitaria sufficiente".

Alla data di giovedì 11 novembre, il 78,3% della popolazione vaccinabile di età superiore ai 12 anni è ora considerata immunizzata, cioè il 68,7% dell'intera popolazione dell'Alto Adige. Al 7 novembre, il tasso di copertura vaccinale tra gli over 60 è dell'88,3%, quindi l'11,7% di questa fascia di età non è ancora vaccinato. Tra gli under 60, il 76,9% è stato vaccinato e quindi la percentuale di coloro che sono sollecitati alla vaccinazione è del 23,1%.

L’Assessore provinciale Thomas Widmann mette in guardia contro una nuova situazione di emergenza: "La quarta ondata è in pieno corso. Il numero di infezioni sta aumentando rapidamente sotto l’effetto della variante delta, così come il numero di pazienti ospedalieri. La situazione è estremamente preoccupante nei paesi limitrofi e anche la situazione in Alto Adige si sta ulteriormente deteriorando. Il fatto che attualmente siamo ancora ampiamente liberi di mantenere nostre le relazioni sociali, possiamo prestare la nostra attività lavorativa o frequentare la scuola in presenza, è grazie a coloro che sono già stati vaccinati. Tuttavia il virus continua a diffondersi, quindi esorto tutti coloro che non lo abbiano ancora fatto a recuperare al più presto possibile la vaccinazione o a non ritardare la dose di richiamo. Allo stesso tempo dobbiamo ancora perseverare nel rispetto rigoroso delle regole di igiene, nell’uso delle mascherine e nel rispetto del distanziamento sociale”.

Il Direttore generale Florian Zerzer commenta la situazione di tensione negli ospedali "Il 15 ottobre erano occupati negli ospedali dell'Alto Adige 30 posti letto con pazienti Covid, il 1° novembre erano già 54 e l'11 novembre 70. Queste cifre mostrano in maniera chiara quanto drammaticamente la situazione si stia deteriorando. Allo stesso tempo, abbiamo meno personale a nostra disposizione. Dobbiamo anche garantire l'assistenza sanitaria per l'intera popolazione al di là della patologia del Covid. La vaccinazione è al riguardo il nostro strumento più importante. Esorto quindi anche a vaccinarsi, non solo per la prima vaccinazione, ma anche per la vaccinazione di richiamo".

Le vaccinazioni di richiamo o booster dovrebbero essere somministrate a tutte le persone di età superiore ai 60 anni, a condizione che la loro ultima dose risalga ad almeno 6 mesi prima, questo vale anche per tutte le persone impiegate nel sistema sanitario. Le pazienti ed i pazienti con immunodeficienze dovrebbero ricevere un booster almeno 28 giorni dopo l'ultima dose. Già ora, tutti coloro che sono stati vaccinati con la dose singola di Johnson & Johnson almeno 6 mesi fa, possono essere rivaccinati con un vaccino mRNA. Lo stesso vale per le persone che sono state immunizzate con il vaccino russo Sputnik o il vaccino cinese Sinovac. Per le vaccinazioni di richiamo, è possibile approfittare sia degli appuntamenti senza prenotazione, che degli appuntamenti di vaccinazione con prenotazione.

L’Azienda Sanitaria dell'Alto Adige offre a tutte le cittadine ed a tutti i cittadini la vaccinazione contro il coronavirus con una modalità estremamente comoda, semplice e sempre nelle vicinanze. Il lavoro dei Vaxbus, che hanno portato la vaccinazione direttamente alla popolazione in loco, è ora proseguito da container e camper attrezzati come centri di vaccinazione. Anche questa proposta è ben recepita dalle altoatesine e dagli altoatesini. Il 10 novembre un totale di 122 vaccinazioni sono state somministrate nel container a Naz-Sciaves di fronte alla stazione di servizio Lanz e dal 10 all'11 novembre nel camper davanti al Ponte Roma sono state effettuate 151 vaccinazioni dal 10 all'11 novembre. 

Ulteriori appuntamenti vaccinali senza prenotazione sono previsti per domani sabato 13 novembre a Brunico, San Martino in Badia e San Leonardo in Passiria. Anche domani al Centro vaccinale di Bressanone verranno offerte vaccinazioni con e senza prenotazione. Lunedì 15 novembre saranno disponibili opportunità per immunizzarsi presso il Centro Vaccinale Julia a Merano, al mattino solo su prenotazione e nel pomeriggio senza prenotazione. Anche nel Centro vaccinale della Nuova Clinica dell'Ospedale di Bolzano si procederà alle vaccinazioni lunedì durante l'intera giornata senza prenotazione. Presso il Centro vaccinale di Silandro si può fissare l’appuntamento per la vaccinazione il lunedì, previa prenotazione. 

Tutti gli appuntamenti vaccinali presso i centri vaccinali sono disponibili sul sito web dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige al seguente link: https://www.vaccinazioneanticovid.it/it/appuntamenti-vaccinali/tutti-gli-appuntamenti

Per eseguire la vaccinazione Covid presso uno dei Centri vaccinali, se qualcuno lo desidera, può anche prenotare un appuntamento online su https://sanibook.sabes.it/, oppure telefonare, dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 16.00, al Centro Unico di Prenotazione Provinciale: tel. 0471 100999.

Il report attuale del vaccino – i dati più importanti in breve
Di seguito descriviamo i numeri più importanti (situazione al 11/11/2021) riguardanti le vaccinazioni in Alto Adige già somministrate.

Vaccinazioni in totale (in paragone all’ultima settimana)
Dosi di vaccino somministrate: 724.468 (+10.805)
Prime dosi: 377.607 (+1.669)
Seconde dosi: 327.085 (+3.565)
Terze dosi: 19.776 (+5.571)
Persone interamente vaccinate: 367.555 (+3.383)

Vaccinazioni suddivise per gruppi di popolazione
Persone con più di 80 anni
Questo gruppo di persone comprende 33.732 persone
Prima dose: 29.273
Seconda dose: 27.443
Terze dosi: 9.756

Persone con più di 70 anni
Questo gruppo di persone comprende 46.417 persone
Prima dose: 40.911
Seconda dose: 36.939
Terze dosi: 2.943

Persone con più di 60 anni
Questo gruppo di persone comprende: 58.927 persone
Prima dose: 50.322
Seconda dose: 44.142
Terze dosi: 2.487

Persone sopra 50 anni
Questo gruppo di persone comprende: 84.804 persone
Prima dose: 69.909
Seconda dose: 61.283
Terze dosi: 2.100

Persone sopra 40 anni
Questo gruppo di persone comprende: 74.448 persone
Prima dose: 60.089
Seconda dose: 51.579
Terze dosi: 1.294

Persone sopra 30 anni
Questo gruppo di persone comprende: 63.481 persone
Prima dose: 49.406
Seconda dose: 41.133
Terze dosi: 733

Persone sopra 20 anni
Questo gruppo di persone comprende: 61.285 persone
Prima dose: 48.459
Seconda dose: 40.631
Terze dosi: 418

Persone di 16-19 anni
Questo gruppo di persone comprende: 23.242 persone
Prima dose: 17.659
Seconda dose: 14.703
Terze dosi: 31

Persone di 12-15 anni
Questo gruppo di persone comprende: 23.121 persone
Prima dose: 11.576
Seconda dose: 9.230
Terze dosi: 1

Persone che sono protette da un’infezione, poiché sono vaccinate, rispettivamente risultate positive al test negli scorsi 3 mesi: gruppo 80+: 87,2%; 70+: 88,5%; 60+: 85,9%; 50+: 83,1%; 40+: 81,7%; 12-39: 76,0%.

Vaccinazioni suddivise per tipologia di vaccino
Pfizer BioNTech
Prima dose: 270.792
Seconda dose: 249.779
Terze dosi: 19.776
Moderna
Prima dose: 33.492
Seconda dose: 31.711
Vaxzevria (ex AstraZeneca)
Prima dose: 60.448
Seconda dose: 45.595
Johnson & Johnson
Prima dose: 12.875

Informazioni sulla campagna vaccinale e prenotazioni: www.vaccinazioneanticovid.it

Informazioni per i media: Ripartizione Comunicazione, Azienda sanitaria

(VS/FV)



Altre notizie di questa categoria